Endodonzia

L’endodonzia è la branca della medicina dentale che si occupa della diagnosi e della terapia dell’endodonto, ovvero del elemento dentario il che ci permette la conservazione permanente del dente che ha perso la propria vitalità: proprio questo fatto rende questa branca dell’odontoiatria patricolarmente importante.
La polpa dentaria si consiste da nervi, vasi e componente cellulare. Ogni dente è prezioso e lo scopo dell’odontoiatria moderna è quello di fare di tutto il possibile per evitare la perdita del dente.
La cura del canale radicolare richiede un paio di visite dal dentista (una o due), dipendetemente dal numero dei canali radicolari e dal livello del danno.

Con il trattamento endodontico rimuoviamo la parte infiammata o morta di polpa dentaria – “il nervo”. Misuriamo con la precisione la lunghezza del canale radicolare mediante un dispositivo particolare (Il LOCALIZZATORE APICALE APEKS) che ci consente di effettuare una misurazione elettronica del canale radicolare e il suo uso ci permette di ottenere un calcolo preciso della lunghezza del canale consentendo una ottimale esecuzione dell’intervento. Per ottenere i migliori risultati, combiniamo le tecniche manuali e meccanici della strumentazione dentale.

Nella nostra clinica utilizziamo le tecniche meccaniche del trattamento del canali radicolari Morita® (DentaPort ZX – Giappone) e Protaper® (Dentsply Maillefer – Svizzera), con la definizione elettronica del canale radicolare con Morita® (Root ZX – Giappone) ie Propex II® (Dentsply Maillefer – Svizzera).
I canali precedentemente puliti vengono ulteriormente disinfettati con ozonoterapia usando la forza di ossigeno e successivamente isolando l’intera zona di canale fino la parte superiore della radice con i materiali biocompatibili. Tranne per il riempimento, i materiali biocompatibili, si usano anche per impedire la penetrazione di batteri e per la guarigione dei tessuti periapicali, ovvio se infiammati o danneggiati.
.

Oltre a questo trattamento primario, eseguiamo anche la rivisone dei trattamenti endodotici mal riusciti rimuovendo la vecchia otturazione inadeguata e poi riccoriamo alla nuova terapia endodontica.
Endodoncija zuba

Dopo il terapia endodontica la maggior parte del dente manca perchè è stato distrutto dalle carie, oppure durante la rimozione della vecchia otturazione o dalla frattura.
Perciò, un dente trattato endoticamente bisogna curare, ossia ricostruire la parte mancante nel processo post-endodontico.
Questo processo consiste nell’inserire un palo intracanale intornoa al quale viene aggiunto un materiale forte con lo scopo di fortificare le strutture dentali rimanenti e di fare un’insieme con il canale radicolare.
I denti trattati in tale modo, una volta fortificati, possono servire da sostegno alle protesi.

Casi prima / dopo

 

Dg: Dente 32. Trauma del dente. Necrosi della polpa e il processo apicale

Dg: Dente 36. Trauma del dente. Necrosi della polpa e il processo apicale cronico

Dg: Dente 35. Pulpite cronica e necrosi della polpa con il canale radicolare curvo.